info@nebulosaweb.com

5 consigli utili per aspiranti WebMaster

cartelliQuando ci si accosta alla strada del WebMaster ci si può sentire un pò spaesati davanti ai diversi tipi conoscenze richiesti ed avere un pò fatica a capire da dove iniziare, quali strumenti usare e come muoversi.
Può capitare di perdere tempo prezioso alla ricerca di un tragitto o di un punto di partenza e per questo ho deciso di scrivere questo post, sperando di aiutare a ottimizzare i tempi e i modi di apprendimento di realizzatori ai siti in erba.

1 – L’HTML è il cardine di tutto

Alla base di tutto c’è l’HTML, ogni tipo di contenuto visualizzato (escludendo flash che è un discorso a parte) dal browser è frutto dell’interpretazione di un codice di tale linguaggio. Tutti gli altri linguaggi che andrete ad approfondire vi ruotano attorno dando dinamicità e interattività all’HTML, che essendo quest’ultimo un linguaggio di marcatura e non di programmazione ha lo scopo di “presentare” i contenuti.
Un errore che spesso capita di fare ai neofiti nel campo è affidarsi a editor visuali (WYSIWYG), che cioè permettono di plasmare le pagine in HTML senza effettivamente toccare il codice ma operando visivamente sul risultato di esso. La cosa sembra apparentemente semplice ma porta a risultati poco ottimali, genera codice sporco, non segue gli standard e soprattutto non permette di apprendere.
Per quanto l’HTML sia semplice richiede precisione, bisogna capire che ogni tag ha il suo ruolo soprattutto ora che siamo all’alba della sua quinta versione. Non va dimenticato che l’HTML è nato per descrivere il contenuto logico delle pagine, la parte grafica è affidata ai fogli di stile (CSS).
Una buona conoscenza di base dell’HTML e del CSS vi permetterà di costruire pagine ottimizzate compatibili con tutte le versioni di browser in circolazione.

2 – I linguaggi di programmazione

Dopo aver approfondito le vostre conoscenze dell’HTML potete tranquillamente proseguire il vostro percorso formativo verso i linguaggi di programmazione orientati al web. Questa è la parte un pò più complicata dei vostri studi, almeno finché non inizierete a capire la logica e a memorizzare la sintassi.
Personalmente vi consiglio di cominciare dal PHP visto che riprende la sintassi del linguaggio C come molti linguaggi moderni tra cui JavaScript, quindi una volta assimilata vi sarà poi più semplice cimentarvi in altri linguaggi. Un altro motivo per cui consiglio il PHP come inizio è che essendo un linguaggio server side il risultato che genera è lo stesso per ogni browser, a differenza del JavaScript che è lato client e può dare errori di compatibilità con alcuni browser se non scritto in maniera ottimale. In ultimo PHP vi avvisa se per caso è presente un errore negli script comunicandovi il tipo di errore e il numero della riga dove è presente facendovi risparmiare parecchio tempo.
PHP e JavaScript sono i due linguaggi di programmazione più usati nel web, conoscerli entrambi vi permetterà di fare tutto.
Non indugiate nell’esercitarvi nella creazione di contact form, chat, animazioni e quant’altro, affidatevi ai vari tutorial che troverete in rete e fate più pratica possibile.

3 – Analizza i siti web e assimila da essi

Avvaletevi di strumenti per l’analisi della sorgente (per esempio FireBug di FireFox) delle pagine web e ogniqualvolta vi trovate di fronte a qualcosa che vi incuriosisce navigando in un sito web analizzatelo per capire come è stato realizzato. In tale maniera avrete la possibilità di imparare molto e venire a confronto con varie tecniche che se farete vostre miglioreranno la qualità dei vostri lavori.
Vi stupirete della sempicità di alcune cose una volta analizzate.

4 – CMS e FrameWorks, due validi alleati

I CMS (Content Menagement System) e i frameworks svolgono due compiti abbastanza diversi ma hanno una cosa in comune, permettono di risparmiare moltissimo tempo nello sviluppo web con risultati eccellenti. Nel web moderno sono ampiamente utilizzati, anche da siti di un certo rilievo.
Come deducibile dal nome i CMS sono sistemi di gestione contenuti, in parole povere sono come siti prefabbricati o meglio ancora sono motori per siti. Alcuni esempi di CMS famosi sono WordPress, Joomla e Drupal ma ne esistono molti altri che permettono di realizzare anche siti e-commerce e gallery.
I frameworks invece sono degli insiemi di script che hanno lo scopo di risparmiare allo sviluppatore la riscrittura del codice. I frameworks che andrete ad usare più spesso saranno javascript i quali vi agevoleranno non poco nel lavoro, soprattutto per la loro compatibilità con i browser. I frameworks javascript più utilizzati sono jQuery e MooTools.
Vi consiglio di passare allo studio di questi due fantastici strumenti solo dopo aver studiato i linguaggi con i quali sono composti, questo perché utilizzarli troppo presto potrebbe distogliere la vostra attenzione e rendervi troppo dipendenti da tali.

5 – Il giusto compromesso tra grafica e accessibilità

La grafica e l’impostazione dei contenuti ricoprono un ruolo importante, anche se lo stile adottato è minimale. Un sito web di successo è un sito che comunica semplicità mettendo a sua agio il visitatore rendendogli la navigazione facile e piacevole.
Quando vi troverete a progettare un template ricordate di immedesimarvi nel navigatore medio e cercate di focalizzare l’attenzione sui punti importanti del sito, in modo tale che in pochi click il visitatore riesca a trovare ciò che cerca.
Un ruolo importante è ricoperto anche dai colori scelti, devono risultare omogenei tra loro e non creare contrasto affaticando la vista.
E’ buona abitudine sviluppare i template con un programma grafico (es. PhotoShop, Gimp) prima e poi crearlo in HTML e CSS.
Se vi sentite un pò spaesati o a corto di idee non esitate a trarre ispirazione dalla rete, vale lo stesso discorso del consiglio 3, e ricordate che ispirarsi è diverso dal copiare. Nessuno dal nulla è in grado di disegnare un proprio stile e ispirarvi ad altri vi permetterà di assimilare modi di fare che vi aiuteranno a svilupparne uno vostro.

Autore: Fabio Di Stasio

Web Designer Freelance specializzato in sviluppo web, realizzazione di template responsive, creazione di temi e plugin WordPress e purista degli standard W3C.